Lumen
Luci nelle notti dell antica Bergomum
Skin, una lenta pulsazione organica rinchiusa in una trappola di rigorosa geometria, è un organismo composto da luce materica e suoni che scandiscono accensioni e spegnimenti in perfetta sincronia. Un’opera site specific per proporre una nuova chiave interpretativa della cultura archeologica della città di Bergamo. Nella millenaria cornice di Piazza Vecchia, una nuova dimensione dell’arte prende vita in maniera netta e dirompente.
L’antica Bergomum è una città che ha ancora tanti segreti da svelare. Al calar del sole, nelle sere dal 2 al 5 maggio, Lumen è un’esperienza da vivere nella notte, quando ad aprire le porte sono alcuni dei luoghi più antichi e misteriosi, ma difficilmente accessibili, che custodiscono la sua memoria. L’arte contemporanea fa battere di nuovo il cuore della città antica, tessendo storie di luci e di suoni che ci guidano sotto e sopra la pelle della città. Proprio nell’area di Piazza Vecchia, in cui è stato individuato il nucleo originario della città, Skin innesca il cortocircuito tra la Bergamo di oggi e la storia di Bergomum disegnando tra i vicoli di Città Alta un percorso lungo tre millenni alla scoperta delle nostre radici.
Lumen è un progetto realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo, in cui MiDi ha curato la parte di progettazione e produzione di Skin, l'installazione luminosa ideata da Studio Antimateria.